Category

Pasta

Category

INTRODUZIONE ALLA RICETTA

Fare la spesa al mercato in questa stagione è meraviglioso! I banchi sono pieni di erbe e verdure colorate e profumate.
Appena ho visto i mazzetti di borragine non ho resistito e ho deciso che l’avrei utilizzata, come da tradizione, per il ripieno dei ravioli.
I miei ravioli sono di pasta di semola, senza uova, così è più leggera e adatta in caso di allergie o intolleranze.
Questa volta non posso dirvi che la ricetta è semplice perchè richiede tempo, pazienza, qualche accessorio da cucina e un pò di abilità!
Però seguendo il video, dopo qualche prova farete dei ravioli perfetti.
E’ molto divertenti coinvolgere i bimbi nella preparazione, Mattia (2 anni) si diverte a girare la manovella della macchina per la pasta!
Magari ci vuole più tempo ma è sicuramente un bel modo per passare un pomeriggio piovoso!
Con il video e la ricetta sarà abbastanza semplice!
Ecco gli ingredienti!

INTRODUZIONE ALLA RICETTA

Un grande classico della tradizione culinaria italiana, la pasta con le vongole.
Uno dei piatti più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo.
Tutte le volte che mi è capitato di mangiarlo fuori, le vongole nel piatto si potevano contare sulle dita di una mano e la pasta sapeva di spremuta di aglio.
Sarà che non mi piace l’aglio ma credo che, in ogni caso, l’aglio usato in abbondanza in abbinamento con il pesce voglia nascondere qualcosa: pesce non freschissimo o in poca quantità o con poco sapore perchè allevato..
A nostro avviso l’aglio può essere un prezioso alleato in cucina (non tanto per le relazioni sociali) ma va assolutamente dosato.
Insaporite l’olio con uno spicchio di aglio in camicia schiacciato e rimuovetelo subito.
Sarà più che sufficiente.
Oppure, nel caso della pasta con le vongole, potete non usarlo.
Basteranno dei gambi di prezzemolo, tanti gambi di prezzemolo.
Vi insaporiranno l’olio e non vi servirà altro che delle buone vongole o lupini italiani!
Iniziamo subito!

INTRODUZIONE ALLA RICETTA

Ecco una ricetta per la cena del sabato sera.
Che sia una cena romantica o tra amici poco importa, il successo è garantito.
I primi di pesce piacciono a tutti e questo è un piatto da ristorante!
Ogni spaghetto è cremoso e sa di pesce, questo perchè Ale ha terminato la cottura risottando la pasta con del brodo di pesce e l’acqua di cottura delle cozze.
La preparazione richiede un pò di tempo e un minimo di tecnica ma vi assicuro che, se seguirete passo passo la ricetta e il video che abbiamo realizzato, otterrete un risultato fantastico.
C’è un solo problema!
Quando assaggerete questi Spaghetti allo Scoglio, non riuscirete più a mangiarli in giro.
Vi sembreranno sconditi e sapranno solo di aglio.
Saper cucinare bene il pesce è un arma a dopio taglio, ma non temete, la vostra casa sarà sempre piena di gente che vorrà mangiare quello che avete preparato per loro!
Generalmente il sabato c’è il mercato, trovate un pescivendolo e fiducia e ordinate il pesce il venerdì sera.
Se diventerete dei buoni clienti vi terrà da parte il pesce migliore.
A volte ci capita di chiedere qualcosa che c’è sul banco e il nostro ci risponde: “Quello non è per te!”.
Non ho mai indagato le ragioni ma credo si tratti di pesce allevato.
Se siete pronti, inizierei con gli ingredienti.

INTRODUZIONE ALLA RICETTA

La Buridda di seppie o di stoccafisso è una zuppa della tradizione culinaria ligure.
Abbiamo la fortuna di avere molti amici liguri che ci hanno fatto conoscere questi piatti buonissimi.
Acciughe ripiene, farinata, buridda sono solo alcuni dei buonissimi piatti liguri che negli anni ho imparato a conoscere e preparare.
La Liguria è una terra meravigliosa e non sono d’accordo sul fatto che i liguri siano poco ospitali.
Sono un pò “stundai”, come si dice nel savonese, ma una volta rotta la corazza, sono delle persone leali e con un gran senso dell’ironia e dell’umorismo.
La buridda di seppie, generalmente si mangia sola, accompagnata da pane.
Noi abbiamo deciso di proporvela quale condimento della pasta e posso assicurarvi che il risultato è eccezionale!
Ecco come prepararla.